I bollitori dal design più attraente

Il bollitore è sempre più in auge. Grazie ad esso, infatti,  è possibile avere acqua calda in pochissimi minuti, con la quale preparare bevande, oppure la pasta. A tal proposito va ricordato come la maggior parte dei modelli presenti attualmente in commercio può vantare un serbatoio di circa 1-1,5 litri, ovvero l’equivalente di sei tazze abbondanti da tè.

Se esistono modelli sia con filo di alimentazione che senza, va comunque sottolineato come sia sempre disponibile un tappo di sicurezza in grado di impedire la fuoriuscita dell’acqua nel corso della bollitura e dispositivi in grado di procedere allo spegnimento automatico quando la temperatura desiderata sia stata raggiunta.

Per chi abbia in programma l’acquisto di un bollitore con il quale soddisfare la propria passione per il tè o le tisane, si consiglia comunque di controllare che il dispositivo sia dotato di un selettore della temperatura al fine di scegliere il grado di riscaldamento dell’acqua.

Altra presenza che dovrebbe caratterizzare il modello prescelto è quella di un filtro (in genere ai carboni attivi) grazie al quale diventa possibile addolcire l’acqua e toglierle per questa via ogni genere di residuo, eliminando le impurità o ogni sapore anomalo in grado di influenzare quello della bevanda finale.
Anche la base va considerata in fase di scelta: occorre infatti che sia solida in modo da evitare il rovesciamento del bollitore. Il manico deve a sua volta essere atermico, mentre il becco di uscita deve essere concepito in modo da indirizzare l’acqua nella tazza.

Altro aspetto da considerare con molta attenzione è quello relativo ai materiali con cui il bollitore viene costruito. Devono infatti essere resistenti alle alte temperature e atossici, per ovvi motivi.
Infine non deve assolutamente mancare il termostato, ovvero il meccanismo di sicurezza grazie al quale è possibile impedire il surriscaldamento del dispositivo, andando a bloccarne il funzionamento nel caso in cui il coperchio non sia perfettamente inserito.

Un aspetto sempre più essenziale: il design

Se quelle che abbiamo enunciato sono le caratteristiche tecniche che dovrebbero distinguere un buon bollitore elettrico, occorre sottolineare come con l’avanzata del tempo esso sia stato oggetto non solo di un successo sempre più evidente, ma anche di una riscoperta da parte dei designer, molti dei quali non hanno mancato di dare la loro interpretazione di questo elettrodomestico, trasformandolo infine in un vero e proprio oggetto di arredamento all’interno delle nostre cucine.

Tante le interpretazioni del bollitore, alcune tese a predisporre una sorta di ponte con la tradizione, altre proiettate verso una modernità che però sia in grado di dare un’anima al risultato finale. Basta dare una rapida occhiata ai cataloghi predisposti dalle case produttrici per capire come ormai funzionalità e bellezza estetica procedano di pari passo. Le linee eleganti e moderne sono in grado di regalare effetti visivi intriganti e permettere al bollitore di integrarsi alla perfezione con l’arredamento, di qualsiasi genere. Tanto da far diventare il design uno dei fattori dirimenti in sede di scelta.

Sono laureato in Lettere e filosofia, con una tesi sul confine orientale italiano alla fine della Prima Guerra Mondiale. Scrivo da anni sulle più svariate tematiche, dall’economia allo sport, passando per le criptovalute, le energie rinnovabili e molto altro.

I bollitori dal design più attraente
Ti è piaciuto il post?
7950 7959 7985 7974 7967 7991 7940 8019 8017 7998
Back to top